Emiliano: “Il Governo usi il miliardo a disposizione per l’aumento di quota dello Stato nell’ex Ilva”. Il ministro Urso: “Valuteremo”

127

“Ho suggerito al ministro di condizionare l’eventuale versamento del miliardo che il governo Draghi ha messo a disposizione per questa vicenda ad un contributo in conto capitale, aumentando la quota azionaria in capo al governo italiano e le società che il governo controlla”. Lo afferma il presidente della Puglia, Michele Emiliano, al termine dell’incontro al Mimit sull’ex Ilva di Taranto.

Questo, aggiunge, “per evitare che in futuro la città di Taranto sia nella sua componente industriale nella sua componente sociale sia tra virgolette sottoposta a pressione, non adopero la parola ricatto perché è troppo forte, diciamo pressione però tra pressione e ricatto a volte il confine è labile”.

Il ministro Urso: “Stato al 60%? Decideremo con Palazzo Chigi. Ci sono tanti fattori, non si può fare tutto insieme”

“Non possiamo ovviamente decidere tutto in pochi giorni, dobbiamo considerare tutti i fattori: sono tanti e ovviamente c’è quello produttivo, c’è l’aspetto giudiziario. Sono tanti appunto gli interventi e di varia natura, alla fine con Palazzo Chigi decideremo la strada da percorrere salvando questo sito produttivo”. Lo afferma il ministro per le Imprese e del Made In Italy, Adolfo Urso, al termine dell’incontro sull’ex Ilva di Taranto, ai giornalisti che gli chiedevano se lo Stato avesse intenzione di salire anticipatamente al 60% di Acciaierie d’Italia, attualmente prevista al 2024.

Promo