Esce dal carcere e rapina un negozio a Molfetta. Fermato dalla Polizia Locale torna nuovamente in libertà

530

Uscito da due giorni dal carcere di Trani, dov’era detenuto da agosto per tentato furto e resistenza a pubblico ufficiale, ieri sera sarebbe tornato a compiere una rapina e questa mattina é nuovamente in stato di libertà. È accaduto a Molfetta, dove un 51enne é stato fermato in via Patrioti molfettesi del Risorgimento da Carabinieri e polizia locale, perché ritenuto responsabile di una rapina avvenuta in un negozio di abbigliamento in via Bari.

L’uomo sarebbe entrato a volto coperto, intorno alle 17, all’interno dell’attività e avrebbe aggredito la commessa armato di un coltellino. La donna non ha opposto resistenza: il malfattore ha portato via il registratore di cassa e si é dato alla fuga per le vie circostanti, ma é stato inseguito a piedi dai passanti. Ha abbandonato il bottino ed é scappato. Poco dopo, però, é stato bloccato dalle forze dell’ordine.

Dopo una notte in caserma, questa mattina, denunciato a piede libero, é tornato a passeggiare per le vie del centro. Ma questa non é stata l’unica rapina della serata: meno cruento é stato l’assalto al supermercato Despar -a 400 metri dalla prima attività commerciale- dove alle 18, probabilmente un altro bandito, é entrato a volto coperto nel market e, pistola in pugno, ha minacciato la cassiera di farsi consegnare il denaro per poi scappare a piedi. Sul posto sono giunti i carabinieri. Al vaglio degli inquirenti le telecamere di videosorveglianza della zona: é dalle immagini che si cerca di comprendere le movenze dell’uomo, per risalire al responsabile.

“È sempre più evidente come sia necessario un maggiore controllo del centro urbano, teatro di una molteplicità di infrazioni, taccheggi, adescamenti, minacce e rapine -hanno denunciato dall’associazione Molfetta Shopping sui social-. Ribadiamo l’opportunità di un presidio fisico della Polizia Locale all’interno del quadrilatero del commercio, considerati i numerosi preoccupanti episodi di delinquenza. Solidarieta’ ai colleghi commercianti colpiti da questi tristi avvenimenti”.

Promo