Rifiuti, impianto di Conversano ferma la raccolta, situazione critica per i 39 comuni interessati. Società diffidata dall’Ager Puglia

Stop al conferimento di rifiuti indifferenziati, pannolini e pannoloni nel Barese: la società ‘Progetto gestione bacino Bari 5’ che ha un impianto di biostabilizzazione nella discarica di Conversano (Bari), lo scorso 5 gennaio ha comunicato all’Ager Puglia che non avrebbe accettato più rifiuti indifferenziati a partire dal 9. E oggi alcuni sindaci stanno emettendo ordinanze per avvisare i cittadini di non lasciare l’immondizia in strada perché non potrà essere raccolta.

Sono in tutto 39 i comuni interessati. Dopo la comunicazione dello stop, l’Ager ha diffidato la società. Il sindaco di Palo del Colle, Tommaso Amendolara, ad esempio, ha emesso stamattina un’ordinanza con quale si vieta “di conferire la frazione secca, inclusi pannolini e pannoloni sino a nuova disposizione”.

“Ci sono problemi agli impianti di conferimento rifiuti -spiega il primo cittadino su Facebook- non imputabili alla responsabilità dei sindaci e delle amministrazioni comunali dell’area metropolitana. Perciò in queste ore la raccolta porta a porta subirà disagi. Il permanere di tale situazione determinerà, inevitabilmente, ulteriori criticità. Ho pertanto emesso ordinanza sindacale di divieto, a cominciare da domani 12 gennaio, di conferimento dell’indifferenziato, pannolini e/o pannoloni. Come sindaci e amministratori locali rivolgiamo, quindi, a tutti i nostri concittadini un accorato invito alla collaborazione”.

Stessa ordinanza è stata emessa anche dai sindaci di Bitonto, Terlizzi e Corato. 

Promo