Perrini: “Potenziare il Moscati a Taranto in attesa del nuovo ospedale”

119

“Una cosa è certa: per il nuovo ospedale di Taranto se ne riparlerà nel 2024, nella migliore delle ipotesi, ma potrebbe essere anche nel 2025. Accertata questa cosa per bocca dei dirigenti della Asl di Taranto, mentre nella prima Commissione continueremo a cercare cause e responsabili e, ognuno per la sua parte, cercherà di far arrivare i 105 milioni di euro il prima possibile, è urgente trovare soluzioni sanitarie adeguate che permettano ai tarantini di non subire sulla propria pelle il peso di disservizi. Insomma, per l’inaugurazione del San Cataldo ci vorrà ancora molto tempo? E allora in forma propositiva, vista la fase emergenziale, avanziamo due proposte: potenziamento del Moscati e ampliamento del budget ai privati accreditati”. È la proposta del vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale pugliese e consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini.

“In prima istanza – suggerisce – potenziamo per davvero il Moscati facendolo diventare un polo oncologico all’avanguardia, come chiedo da tempo, utilizzando bene i 70 milioni a disposizione anche per l’acquisto di macchinari e 17 milioni per le sale operatorie”. 

Promo