Deposito Energas a Manfredonia, si oppone anche il Vescovo

89

È monsignor Franco Moscone, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, il primo firmatario della lettera inviata al ministro della Difesa, Guido Crosetto, ai vertici Nato e militari con cui si chiede che l’impianto “Energas” non venga installato in località Santo Spiriticchio a Manfredonia (Foggia). Si tratta di un deposito da 6 milioni di litri di gas Gpl.

“Il progetto Energas -si ricorda- fonda le sue radici sulla fraudolenta bugia che il sito dell’insediamento disterebbe circa 40 chilometri, come si legge nel rapporto di sicurezza del 1997, ma in quello del maggio 2015 il riferimento alla distanza del più vicino aeroporto militare è addirittura magicamente scomparso”.

I destinatari sono sollecitati “a fornire, in tempi brevissimi al Consiglio dei ministri -che nella prossima assise prevede l’approvazione dell’istallazione del deposito- argomenti tecnici strategici che sconsigliano l’insediamento del mega deposito di gas Gpl in quanto altamente esplosivo e considerato dalla direttiva Seveso ad alto rischio rilevante”.

Promo