Ex Ilva, PeaceLink: “Comune, provincia e regione neghino autorizzazione all’altoforno di Taranto”

143

“Agli altoforni va negata l’autorizzazione a produrre. Anche perché se si è per la decarbonizzazione non si può essere per gli altoforni che usano il carbone. E, poiché il 2023 è l’anno della nuova AIA, occorre che Comune, Provincia e Regione neghino la propria firma sotto l’autorizzazione a produrre e portino in Procura le ragioni sostanziali del diniego. La tutela della salute pubblica e dell’ambiente richiedono scelte coraggiose”. Così il presidente dell’associazione di volontariato PeaceLink, attiva sul fronte della tutela della salute e dell’ambiente, con sede a Taranto, Alessandro Marescotti, sulla sua pagina Facebook, a poche ore dall’audizione informale, in video conferenza, in Senato sul cosiddetto scudo penale per l’ex Ilva.

Saranno ascoltati anche i rappresentanti di Legambiente e Wwf dalla nona Commissione permanente – Senato della Repubblica, Industria, commercio, turismo, agricoltura e produzione agroalimentare. 

Promo