Pesca illegale, sequestrati dalla Guardia di Finanza oltre 2 quintali di ricci di mare a Taranto

Durante cinque controlli distinti per la tutela dell’ambiente marino, dell’ecosistema e del patrimonio ittico nella zona di Taranto, il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari ha sequestrato complessivamente circa 230 chilogrammi di ‘ricci di mare’, pari a oltre 5.600 esemplari, raccolti da altrettante persone, tutte sprovviste di licenza per la pesca e soprattutto di documenti che certificassero la provenienza e la tracciabilità del prodotto.

Il pesce sequestrato, ancora vivo, è stato rigettato in mare per consentire la ripopolazione delle preziose colonie marine. I controlli eseguiti dalla Finanza lungo il litorale costiero tarantino, in materia di pesca e di commercio ittico illegali, sono riconducibili alla più ampia azione di polizia economico-finanziaria di controllo economico in mare e nelle acque interne. 

Promo