Barletta, costituì due società per ricevere sostegni alle aziende durante la pandemia, una denuncia e sequestro per 60mila euro

La Guardia di Finanza di Barletta ha individuato due società locali, facenti capo ad uno stesso amministratore, che, in maniera indebita, sono risultate destinatarie di finanziamenti garantiti dal Fondo Centrale di Garanzia dello Stato disposto nell’ambito delle azioni anticrisi derivanti dall’emergenza epidemiologica COVID-19 per un ammontare complessivo di 60.000 euro.

Le Fiamme Gialle hanno verificato come entrambe le società erano state costituite unicamente al fine di ottenere l’indebita agevolazione, non avendo mai effettivamente iniziato l’attività. Le somme ottenute dai finanziamenti erano state invece prelevate e utilizzate per scopi diversi da quelli previsti.

L’amministratore, chiamato a rispondere del reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche, è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Trani, la quale, ha proposto ed ottenuto dal G.I.P. presso il Tribunale il sequestro preventivo e per equivalente, nei confronti delle società e dell’indagato, delle somme esistenti sui conti correnti e depositi bancari, di quote societarie nonché di beni immobili e beni mobili registrati.

Promo