Tragedia di Torremaggiore, minuto di silenzio alla scuola che frequentava Gessica. La disperazione delle amiche

352

Un minuto di silenzio questa mattina alle 10 per ricordare Gessica, la ragazza di 16 anni uccisa a Torremaggiore dal padre, un albanese di 45 anni. L’uomo ha anche ferito la moglie, una albanese di 39 anni e un commerciante italiano di 51 anni. Il minuto di silenzio si svolgerà questa mattina, alle 10, nel liceo classico “Fiani- Leccisotti”, la scuola che la ragazza frequentava.

“Siamo scioccati -il commento di Carmine Collina, dirigente dell’istituto- e sconvolti. Il mio primo pensiero oltre che alle vittime e alla nostra studentessa va anche ai suoi amici di scuola e a tutti gli insegnanti che la conoscevano. Il nostro compito é proteggerli da questo dolore immenso. Gessica -ha proseguito il preside- era una delle nostre allievi simbolo. Una ragazza mite, tranquilla e molto studiosa. Si era inserita bene nella classe e viveva benissimo la scuola”.

“Le amiche che con lei hanno condiviso ore di lezione, passeggiate e confidenze sono turbate, scombussolate “da un lutto indicibile, ingiustificabile e incredibile. E noi dobbiamo fare scudo attorno ai nostri ragazzi, gli stessi che domani guarderanno quel vuoto lasciato dalla loro compagna”, scrive Alba Di Palo per ANSA riportando le parole di Maria Aida Episcopo, responsabile dell’ufficio scolastico di Foggia.

“Faremo accoglienza dei compagni di classe di Gessica e lavoreremo con la psicologa scolastica per raccogliere la commozione e fare comunità e arginare quel senso di smarrimento che ci ha colpiti”, assicura Collina.

Promo