Esposto a Ruvo di Puglia il vaso del Pittore di Dario custodito a Napoli

Da Ruvo a Napoli: viaggio di andata e ritorno per il grande cratere apulo a figure rosse del Pittore di Dario, rinvenuto nella cittadina pugliese nella prima metà dell’800 in una tomba a semicamera e custodito nei depositi del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, permettendo al pubblico di conoscere, quindi, un’opera normalmente non esposta. Il vaso sarà protagonista dell’esposizione temporanea “Atlante – L’uomo che sosteneva il mondo”, allestita nel “Grottone” di Palazzo Jatta a Ruvo.

L’iniziativa, realizzata grazie alla collaborazione e alla disponibilità della Direzione Generale Musei e del Museo Nazionale Romano, si collega alla mostra “L’istante e l’eternità. Tra noi e gli antichi”, curata da Demetrios Athanasoulis, Marialuisa Catoni, Massimo Osanna e Stéphane Verger, inaugurata alle Terme di Diocleziano a Roma lo scorso 4 maggio, un progetto di ampio respiro – frutto anche di una efficace sinergia con il Ministero della Cultura della Grecia – caratterizzato da un allestimento di rara suggestione, cui partecipa anche il cratere del Pittore di Talos, che diviene in tale prestigioso contesto il testimone privilegiato del Museo Nazionale Jatta.

In ogni caso la cultura a Ruvo non conosce stop e continua a essere veicolata attraverso la mostra Collezionauta allestita nel “Grottone” di Palazzo Jatta, che da oggi si arricchisce anche di ‘Atlante’. Ringrazio il prof. Osanna per aver subito accolto e sostenuto questo progetto”.

La mostra che sarà fruibile fino al 30 luglio 2023 prende il nome dal mito che il Pittore di Dario ha dipinto sul cratere: su una parte del vaso si racconta, infatti, l’episodio in cui Atlante, il titano che regge sulle spalle la volta celeste, incontra Eracle all’interno del giardino delle Esperidi e, nella volontà di ingannare quest’ultimo, è invece proprio il gigante a cadere nel tranello dell’eroe; lo stesso episodio è dipinto su un altro grande cratere della Collezione Jatta, ora esposto nella mostra del Grottone di Ruvo. L’esposizione sarà fruibile anche sabato 13 maggio in occasione della Notte Europea dei Musei, quando il “Grottone” sarà straordinariamente aperto fino alle 23.00.

(foto facebook Mario Di Puppo)

Promo