A Barletta sequestro di 100mila capi contraffatti tra felpe, maglie e pantaloni. Denunciato imprenditore

I finanzieri del Gruppo di Barletta, nell’ambito delle attività di repressione della contraffazione commerciale, per la tutela del made in Italy e della sicurezza dei prodotti, hanno sequestrato nella ‘città della disfida’ oltre 100.000 articoli di vestiario contraffatti, tra cui felpe, t-shirt e pantaloni che riproducevano illegittimamente la foggia ed i segni distintivi di noti brand.

Nel corso delle operazioni, le Fiamme Gialle hanno anche sequestrato tutti i locali aziendali ed i macchinari con cui veniva lavorata ed assemblata la merce contraffatta. Le indagini sono partite da uno sviluppo investigativo di alcuni sequestri eseguiti in esercizi commerciali di Barletta di circa 500 felpe con noti marchi di moda registrati. In particolare, gli accertamenti, eseguiti anche mediante la consultazione delle banche dati in uso al Corpo, l’analisi della documentazione fiscale e contabile e numerosi servizi di osservazione, controllo e pedinamento nel territorio di Barletta hanno portato ad individuare i principali punti di vendita e di stoccaggio e, soprattutto, il locale nel quale i capi di abbigliamento venivano confezionati e successivamente destinati ad ignari consumatori finali.

Il titolare dell’impresa è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Trani per i reati di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi. 

Promo