“Sul caso del 39enne morto dopo ore di attesa all’ospedale Perrino di Brindisi ho chiesto ispezione del Ministero”, l’iniziativa di Mauro D’Attis (Forza Italia)

“Per l’ennesima volta, purtroppo, devo tornare a denunciare le gravissime carenze dell’ospedale “Perrino” di Brindisi: un uomo ha perso la vita perché manca nella struttura la radiologia interventistica. Un ospedale di II livello che versa in condizioni disastrose con un’Azienda sanitaria locale, quella di Brindisi, che non riesce a risolvere i problemi strutturali del servizio. Nella assenza, chiaramente, di guida, controllo e sostegno da parte della Regione Puglia. È per questo che domani depositerò un’altra interrogazione al Ministro della Salute Schillaci per chiedere un’ispezione ministeriale urgente nell’ospedale”. Lo fa sapere, in una nota, il commissario di Forza Italia in Puglia, Mauro D’Attis, con riferimento al decesso di un brindisino di 39 anni, avvenuto oggi nell’ospedale Santissima Annunziata di Taranto, dopo essere trasferito da quello di Brindisi, dove ha atteso tre ore.

“È evidente che la situazione sia ormai all’acme della crisi e sia necessario l’intervento del governo nazionale per verificare la conduzione della sanità pubblica nella provincia di Brindisi e in tutta la Puglia, perché sullo sfondo resta, a titolo esemplificativo e non esaustivo, anche l’emergenza dei nostri pronto soccorso. Tra carenza di personale ed errori organizzativi della rete sanitaria, il servizio sul territorio ormai va verso la rarefazione. Alla famiglia dell’uomo deceduto va tutta la nostra più sincera vicinanza: una morte evitabile molto probabilmente, un dolore immenso per la comunità”.

Promo