Decaro: “Non mi fanno paura i boss figuriamoci alcuni parlamentari. Se ci sono sospetti sul Comune rinuncio alla scorta”

“Quello che state facendo alla città vi si ritorcerà contro, i baresi non perdonano chi li tradisce. Non mi hanno fatto paura i boss dei grandi clan di questa città, non ho avuto paura dei Sedicina, di Parisi, di Diomede, di Capriati figuratevi se devo avere paura di alcuni parlamentari”. Così il sindaco di Bari, Antonio Decaro, in conferenza stampa, visibilmente commosso, ripercorrendo i dieci anni di amministrazione e le tante battaglie contro la criminalità organizzata e l’illegalità. “Noi non dobbiamo vergognarci di niente, sono i criminali che si devono vergognare”, ha sottolineato.

“Se ci sono sospetti sul Comune rinuncio alla scorta”

“Se c’è anche un solo sospetto di infiltrazione della criminalità nel comune di Bari io rinuncio alla scorta. Sono sotto scorta da nove anni, torno a vivere. Non posso essere sindaco antimafia e avere la commissione di accesso in comune”. Lo ha detto il sindaco di Bari, Antonio Decaro, arrivando alla conferenza stampa convocata all’indomani delle notizie giunte dal ministero dell’Interno sulla procedura della Commissione d’accesso che dovrà verificare eventuali infiltrazioni della criminalità nell’amministrazione comunale e nelle aziende municipalizzate. 

Promo