Riti del fuoco, San Marco in Lamis punta su un polo culturale

Realizzare un brand del turismo religioso che parta dal tradizionale rito sacro del fuoco del venerdì santo e crei un polo culturale a San Marco in Lamis, nel Foggiano. E’ l’obiettivo dell’amministrazione comunale del paese sul Gargano dove ieri sera si è rinnovata l’antica processione della Madonna dell’Addolorata con le fracchie, grosse torce di fuoco che in alcuni casi arrivano anche a 12 metri di lunghezza e che illuminano il percorso.

“Stiamo lavorando per attirare attorno al rito del fuoco altri eventi collaterali e creare una rete, in parte già esistente, con altre realtà italiane dove questo tipo di tradizione è attiva – ha dichiarato Luigi Tricarico, assessore del Comune di San Marco in Lamis con delega alle manifestazioni ed eventi -. Attorno al tradizionale rito del fuoco stiamo facendo convogliare una serie di eventi culturali e sociali creando un legame con Monte Sant’Angelo e San Giovanni Rotondo, altri due comuni a forte vocazione religiosa, per creare un ponte in vista del giubileo 2025”.

Promo