Dopo l’uccisione di Lello Capriati a Bari Pinuccio e Lella Fazio: “Chiediamo a giornalisti e conoscenti di lasciarci in pace”

Uno stringato comunicato stampa mette in chiaro le intenzioni dei genitori di Michele Fazio, il 16enne di Bari vittima innocente di mafia, all’indomani dell’uccisione di Lello Capriati uno dei coinvolti e già condannati per l’omicidio del giovanissimo Michele. Di seguito il testo del comunicato.

Pinuccio e Lella Fazio chiedono a tutti i giornalisti e conoscenti di:

-non effettuare telefonate;

-non inviare messaggi o chat sui social network;

-non recarsi presso le abitazioni di famiglia e la sede della Associazione Culturale “Michele Fazio”;

-non essere citati in articoli di giornale, filmati, post e tag;

-non pubblicare fotografie, video, contenuti multimediali e/o informazioni riguardanti nostro figlio Michele Fazio e altri componenti della famiglia;

-non contattare i collaboratori della Associazione precedentemente menzionata.

Non siamo intenzionati a rilasciare dichiarazioni ed interviste.

Desideriamo vivere SERENAMENTE la nostra vita privata, familiare e associativa.

Certi della Vostra comprensione, educazione e sensibilità, ribadiamo la nostra totale estraneità ai fatti avvenuti.

Ringraziamo e abbracciamo tutte le persone a noi vicine.

Promo