Mafia, invocati tre secoli di carcere per clan di San Vito dei Normanni

Sacra Corona unita, invocati 3 secoli di carcere nell’ambito dell’operazione The wolf a carico di una delle frange più forti della mafia salentina operativa in provincia di Brindisi. Le richieste sono state formulate dalla pm della Dda di Lecce, Carmen Ruggiero, da tempo sotto scorta a causa delle minacce ricevute per il lavoro a contrasto della criminalità organizzata, nel procedimento in abbreviato a carico di 30 imputati.

La richiesta più alta a carico del boss Gianluca Lamendola pari a 20 anni. Gli imputati rispondono a vario titolo di associazione a delinquere di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi da fuoco e da guerra, violenza privata, lesioni personali, estorsione, ricettazione, danneggiamento seguito da incendio e autoriciclaggio, tutti aggravati dal metodo mafioso, produzione, coltivazione, spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Promo